Cos’è la DIY dei viaggi?

Ciao amici!
Oggi vi parliamo di un tema molto carino, che ha come concetto base quello della creatività: il DIY.
Cosa significa questa sigla?

DIY è l’acronimo inglese di Do It Yourself, in italiano conosciuto come fai da te.
Si tratta di un concetto molto generico che ha a che fare con diverse attività: ricostruzione, arredamento, bricolage, riparazione e modifica.
Il senso specifico a cui facciamo riferimento in questo articolo è il DIY inteso come personalizzazione (che sia della propria camera, di un quaderno o di un oggetto qualsiasi.

Questo processo di personalizzazione è molto diffuso in una categoria di persone: i viaggiatori.
Chi viaggia (che sia in senso motorio o semplicemente a livello di fantasia) ha solitamente un senso spiccato di creatività. La maggior parte dei viaggiatori, decidono di creare dei veri e propri DIY attraverso i ricordi delle proprie avventure: pareti arricchite di fotografie, biglietti, scontrini, mappe e tanto altro ancora.

Personalmente, la DIY è un’attività che mi piace tantissimo e proprio per questo sono tantissimi gli oggetti che ho personalizzato attraverso i souvenir, ho persino creato un quadro-collage dove sono presenti le foto più belle del mio viaggio a Londra.

E’ un bel modo per ricordarsi quotidianamente le belle esperienze passate!
Se non avete modo di appendere o comunque esporre i vostri souvenir e le vostre foto, non vi preoccupate: è possibile realizzare degli scatoloni personalizzati e decorati che potranno contenere il tutto! E’ anche questa una forma di DIY!

E voi siete amanti del Do It Yourself?
Come custodite i ricordi dei vostri viaggi?
Lascia un commento qui sotto!

Ps: Ringrazio Sara, l’autrice di questa fantastica foto!
Su Instagram trovate altri suoi capolavori: https://www.instagram.com/_lovely_sara_/


www.wlust.org

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/wanderlustthetravelpassion/