E’ possibile sentirsi a casa in un posto nuovo?

Ciao amici!
Vi è mai successo di recarvi in un posto ed avere una sensazione di tranquillità, pace e sicurezza che non avreste mai immaginato?
E’ normale: esistono luoghi che sono fatti “su misura” per noi, in base alle nostre esigenze, ai nostri pensieri, alle nostre abitudini e a tanto altro ancora. Ma non è solo questione di compatibilità. Spesso ci si sente a casa altrove semplicemente perché di base, a livello caratteriale, si è molto propensi a scoprire nuovi orizzonti, nuove culture e diverse abitudini.

Allo stesso tempo però, c’è chi vorrebbe poter provare tutto ciò ma non ci riesce. E non perché non abbia lo spirito di viaggiatore, anzi: è soltanto una questione di timidezza.
Come si può quindi superare questo blocco psicologico?
Noi oggi vogliamo darvi alcuni semplici consigli, che potrebbero aiutarvi ad eliminare quelle “paure” inutili che si presentano durante un viaggio e che portano ad uno stato di inadeguatezza. E sarebbe un gran peccato, perché non riuscireste a percepire l’accoglienza che in realtà vi si sta offrendo.

1. Siate voi stessi. Può sembrare un consiglio banalissimo ma è la base per poter vivere il vostro viaggio serenamente. Non costruitevi un personaggio: se siete situati in un luogo in cui si parla un’altra lingua e vi sentite insicuri nell’esprimervi, non preoccupatevi di ciò che potrebbe pensare il vostro interlocutore perché finirete per confondervi ancora di più.

2. Vietato pensare “non posso”. Se vi si presentano occasioni nuove o avventurose, non rinunciate e priori. Cercate prima di comprendere cosa vi frena. Dopodiché, provate ad instaurare un atteggiamento positivo verso l’ignoto. Questa carica di adrenalina, vi aiuterà a farvi sentire “a casa” anche dove ci sono usanze molto diverse (persino a livello culinario!).

3. Ampliate le vostre conoscenze. Soprattutto se in questo viaggio ci siete soltanto voi ed i vostri bagagli, dialogare con la gente del posto vi farà conoscere qualcosa in più sulla località. Perché per quanto i libri, i manuali o i documentari possano offrirci svariate informazioni, il miglior modo per immergersi in un posto è quello di vivere pienamente l’esperienza, in prima persona. Non limitatevi alla funzione di spettatore, ma buttatevi, chiedete informazioni, chiacchierate! 🙂

Una volta terminato il viaggio, vi accorgerete che gran parte della inadeguatezza era semplicemente una conseguenza di alcuni vostri timori che siete però riusciti a superare! 🙂
E voi, riuscite a sentirvi “a casa” in altri posti? Diteci la vostra nei commenti, ci farà molto piacere leggervi!
Ps: Per restare sempre aggiornati sui nuovi articoli del blog, seguiteci sulla pagina Facebookhttps://www.facebook.com/wanderlustthetravelpassion/