Cava di Bauxite, Otranto: info e curiosità

La Cava di Bauxite (Otranto) rappresenta uno dei luoghi più fotografati del Salento.
Si tratta di un ex giacimento ad estrazione mineraria: la presenza di un laghetto verde smeraldo accompagnata da una “cornice” rossastra composta da pareti rocciose, rende il panorama unico e suggestivo. Proprio per questo, ogni anno la Cava di Bauxite viene visitata da turisti provenienti sia dall’Italia che dall’estero.

Origini della cava

Già dal periodo della Seconda Guerra Mondiale, si praticava l’estrazione mineraria. La bauxite è una roccia sedimentaria da cui si estrae l’alluminio. Fino al 1976, questo giacimento ha avuto una funzione prettamente commerciale: da quel momento, l’area è stata dismessa e la natura ha deciso di dare un tocco in più, rendendola un vero e proprio spettacolo di colori.
La formazione del lago è dunque avvenuta in un secondo momento, a causa delle infiltrazioni d’acqua.
Esso però, non è balneabile e pertanto si consiglia di non immergersi.

Come potete ben vedere dalla foto, la cava non è assolutamente sottoposta a coperture ma è visibile a cielo aperto: tutto è rimasto così da più di quarant’anni e oggi viene considerata la perla di Otranto (Lecce) un paese ricco di spiagge dalle acque cristalline.


@linda_wlust92

Ulteriori informazioni

La Cava di Bauxite si può visitare in qualsiasi momento della giornata e dell’anno, poiché non ci sono controlli o restrizioni. L’unico consiglio che vi diamo è quello di camminare nella zona con la massima accortezza, utilizzando delle scarpe comode: il terreno non è lineare e se non si presta attenzione si potrebbe scivolare.

La miniera è facilmente raggiungibile sia a piedi che con la macchina. Se però decidete di recarvi lì in giorni festivi, è preferibile optare per la prima alternativa: magari parcheggiate non molto lontano dal centro storico, in modo tale da impiegarci una mezz’oretta circa.

E voi siete mai stati a “la Cava di Bauxite”?
Raccontateci la vostra esperienza!

LEGGI ANCHE: “Alla scoperta di Lecce e dei suoi sapori”

Ps: E per restare sempre aggiornati sui nuovi articoli del blog, seguiteci anche sulla pagina Facebook  https://www.facebook.com/wanderlustthetravelpassion/ e sulla pagina Instagramhttps://www.instagram.com/wlust_org/