Taranto in un giorno: tra storia, tradizioni e buon cibo

Taranto è una città che per alcuni potrà sembrare niente di speciale ma in realtà ha un’importantissima storia alle spalle.

Nel corso dei secoli ha subito numerosissime invasioni e tra le più significative c’è sicuramente quella greca (è stata infatti rinomata capitale dell’Antica Grecia).

Ricca di luoghi di interesse e di panorami mozzafiato, la città ha però subito negli ultimi due decenni un forte declino, dettato sia dalla crisi che ha colpito gran parte dell’Italia, sia dall’inciviltà di alcuni abitanti.

E se parliamo del fattore ambientale non si può non far riferimento all’industria che pur avendo offerto numerosissimi posti di lavoro, ha sicuramente alzato il tasso di morti e malati.

E già tutto questo ha portato ad uno sconforto generale, “obbligando” diversi tarantini ad emigrare al nord o addirittura all’estero.

Non è una situazione facile per chi ha l’amore per la propria città.

E lo si percepisce nel momento in cui vedi tutte queste persone tornare per le vacanze con gli occhi un po’ lucidi e con un pensiero in testa: “Taranto è una bella città, se non fosse per la crisi, per le persone ottuse e per l’inquinamento…”

E poi ci sono i turisti, coloro che non sanno minimamente cosa sia Taranto se non per l’industria. Ma quando arrivano qui solitamente esclamano: “Ah però, non ce l’aspettavamo così!”.

Sì perché se si chiude un occhio sui problemi legati al lavoro e all’aria non proprio pura da montagna, si ha a che fare con una città ricca di bellezze storiche/culturali e di conseguenza tradizioni.

Basti pensare ai riti della Settimana Santa che hanno origini settecentesche e vedono come principali confraternite la chiesa di San Domenico (situata nel borgo antico) e la Chiesa del Carmine (sita nel borgo nuovo).

Da questo potete ben intuire che la città è costituita da una parte moderna e una più antica. Quest’ultima zona è collegata al centro di Taranto attraverso il Ponte Girevole (insomma è un’isola), situato vicino al Castello Aragonese. Tale divisione l’ha resa conosciuta anche come “la città dei due mari”: il Mar Grande e il Mar Piccolo.
Leggi qui maggiori info: “Castello Aragonese”


Luoghi da non perdere a Taranto

Taranto in un giorno è facilmente visitabile. Oltre ad una visita al Castello Aragonese, vi consigliamo una bella passeggiata nel borgo antico, che vi accoglierà con le sue Colonne Doriche, unica vera e propria testimonianza del Tempio di Poseidone.

Addentrandovi vi accorgerete che qui la maggior parte degli edifici sono rimasti così com’erano qualche secolo fa: insieme ai vicoli stretti, alle Chiese e a i resti del passato ci si trova dinanzi ad uno spettacolo molto suggestivo.

Nella zona nuova invece, potrete fare un salto al Museo Archeologico Nazionale, identificato anche come “MArTA) dove troverete una serie di collezioni di manufatti risalenti alla Magna Grecia.

Chiaramente vi consigliamo anche il centro di Taranto, in cui sono presenti alcune piazze e diversi negozi se avete intenzione di fare un po’ di shopping.

E per quanto riguarda il cibo?

Il protagonista assoluto di questa città è il mare. E da questo potete ben intuire che una delle attività più praticate è sicuramente la pesca. Ci sono tantissimi ristoranti in cui avrete modo di degustare fritture, primi piatti e secondi piatti a base di pesce (cozze in particolar modo).

In alternativa, vi consigliamo un bel piatto di orecchiette col sugo (è un classico intramontabile), la puccia tarantina, i panzerotti, le focacce e le pettole se vi trovate a Taranto nel periodo natalizio. Quest’ultime sono una vera e propria tradizione del 22 novembre (scopri cosa sono e come si preparano: “Pettole di Santa Cecilia”)
In città comunque troverete diverse alternative in base alle vostre esigenze.
Insomma, è una città che va visitata almeno una volta nella vita (anche per qualche ora) se state trascorrendo le vostre vacanze in Puglia.
Taranto può ritornare a crescere soprattutto a grazie a voi turisti. Con occhi “nuovi” saprete sicuramente apprezzare tutto suo il patrimonio storico, culturale e paesaggistico.

Autrice: @linda_wlust92

Esplora la photogallery:

Ps: E per restare sempre aggiornati sui nuovi articoli del blog, seguici anche sulla pagina Facebook  https://www.facebook.com/wanderlustthetravelpassion/ e sulla pagina Instagramhttps://www.instagram.com/wlust_org/

LEGGI ANCHE:
Il Castello Aragonese di Taranto

La Città Vecchia di Taranto

Le Pettole di Santa Cecilia (Taranto)