Bologna: la città dei portici

Riuscire a trovare una città con più portici di Bologna è quasi impossibile. Il capoluogo dell’Emilia-Romagna conta più di 50 chilometri di porticati, situati principalmente nel centro storico e in alcune zone limitrofe.

Unici sia dal punto di vista artistico che culturale, essi sono entrati a far parte della lista candidati come “patrimonio dell’umanità” dell’UNESCO.

Origini

I portici più antichi risalgono all’età medievale: furono costruiti per offrire maggiori abitazioni e allo stesso tempo riparo dai più violenti agenti atmosferici (sono una vera salvezza, ve lo posso confermare).

Passeggiando tra le vie della città, è possibile osservarne altri di impronta rinascimentale, come ad esempio il Portico del Pavaglione e degli Alemanni. Risalente alla fine del ‘600 c’è invece il Portico di San Luca, che si estende per 4 chilometri con la bellezza di 666 arcate.
Infine, tra i più recenti, bisogna citare il Portico Monumentale della Certosa di Bologna, progettato nei primi dell’800 e completato nel 1849.

I portici come punto di riferimento

Come diceva Lucio Dalla nel suo brano “Disperato Erotico Stomp”, a Bologna non si perde neanche un bambino. Le lunghe strade dritte, caratterizzate dai portici, rendono la città facilmente visitabile a piedi e ricca di punti di riferimento.

Ecco un esempio di itinerario a suon di portici” per chi dovesse avere un solo giorno a disposizione per visitare Bologna:

Basilica di San Petronio – Piazza Maggiore – Via dell’indipendenza – Via Piella (dove poter ammirare la piccola Venezia) – Via delle Moline – Piazza Verdi e infine Via Zamboni che vi porterà alle Torri Garisenda e degli Asinelli.

E voi avete mai passeggiato sotto i portici bolognesi? Raccontateci la vostra esperienza!

Autrice: @linda_wlust92  (<- Seguimi su instagram! )

LEGGI ANCHE:

“Parma: città da gustare in tutti i sensi”

“Modena: un giro sulla Ghirlandina”

“Passaporto: come ottenerlo, costo e rinnovo”

“Viaggiare con pochi soldi in tasca? Si può!”

“Si può essere pagati per viaggiare?”