Condividere viaggi in auto per risparmiare

Tantissime persone amano viaggiare in auto, specialmente per recarsi in città non eccessivamente distanti.

Questo perché si ha modo di spostarsi in perfetta comodità, sia in termini di orari che di spazi: basti pensare a tutte le regole aeroportuali, che spesso ci impongono una serie di limiti sul trasporto dei bagagli.

Ma non è oro tutto ciò che luccica: viaggiare con la famiglia in auto è perfetto ma in solitaria comporta alcuni disagi dal punto di vista economico.

I costi della benzina sono sempre in aumento e quando si viaggia da soli per diversi km, ci si trova dinanzi a spese notevoli.

Tuttavia, per porre fine a tale problema, sono stati creati alcuni servizi adibiti alla condivisione di viaggi in auto.

Viaggi in auto condivisi: pro e contro

Nel corso degli ultimi dieci anni, c’è stato l’avvento di numerose piattaforme che prevedono il car pooling, ossia il covetturaggio.

Condividere l’automobile può avere diversi pro e contro, a seconda della situazioni. Scopriamoli insieme!

Viste le premesse, potete ben intuire che l’aspetto positivo sia principalmente legato al risparmio.

Una volta che ci si iscrive sui siti per condividere viaggi in auto, basta indicare la tratta, l’orario di partenza, la data e lo stato del veicolo.

Dopodiché, si inserisce il prezzario e da quel momento la vostra offerta sarà pubblica e i potenziali passeggeri potranno contattarvi per “chiedere il passaggio”.

Tutta la procedura legata anche ai pagamenti potrà essere effettuata online e voi allo stesso tempo avrete modo di visitare il profilo dell’utente per scoprire qualche sua informazione ed eventualmente rifiutare (nel caso in cui non dovesse ispirarvi fiducia).

Insomma, il car sharing sta diventando una vera e propria moda, anche perché la maggior parte dei servizi includono delle pronte assistenze nel caso in cui il veicolo dovesse riscontrare dei problemi (ad esempio invio di un taxi o il soccorso stradale).

Ma nonostante ciò, restano comunque alcune perplessità in merito: esistono ancora rarissimi casi in cui la persona sconosciuta non si rivela poi realmente affidabile.

Proprio per tale motivo, specialmente in Italia, si tende a partire con il pregiudizio sul fatto che condividere la macchina con gente mai vista prima sia un gesto del tutto irresponsabile.

Autrice: @linda_wlust92  (<- Seguimi su instagram! )

E voi che ne pensate dei viaggi in auto condivisi?